Contatti

clicca qui per scrivermi una e-mail

clicca qui per tesserarti presso di noi
ASD Atletica Sandro Calvesi
c/o Campo Tesolin e Palaindoor
Corso Lancieri di Aosta 41/A
11100 Aosta
+39-393-926-6592
e-mail presidente@calvesi.it

lunedì 30 giugno 2008

Samia sei forte!

Samia è stata eletta ieri sera campionessa del mondo non solo dei 2000 siepi, ma anche di "Tiramisù". Per lei applausi dei suoi compagni e tanti brindisi, veramente tanti brindisi. Atmosfera elettrica e grande entusiasmo, vincere o perdere non importa, adesso che ci penso è meglio vincere, ma il bello è vivere in sintonia, si è creato un gruppo davvero compatto, auto ironia, voglia di divertirsi e AMICIZIA.
Così, anche se uno non vuole, i risultati arrivano per forza.
In tutto questo Samia, per non perdere tempo, si è fatta la gara di Torino dove con 5'02" si è guadagnata il 5° posto del 2° miglio Memorial Ludo Perricone. A questa gara ha partecipato una ristretta élite di atleti di primo piano. Ancora una volta, Samia ha fatto centro!

Samia sei forte!

Salvatore Nicastro a Mastri

Salvatore Nicastro, con altri 150 atleti super coraggiosi, ha sfidato il caldo afoso torinese per una corsa su strada di Km 7,400.
Si trattava della "Stratomino" che si è svolta a Mastri torinese. Salvatore si è classificato 41° assoluto e 6° di categoria.
Per qualche tempo il bravo Salvatore non gareggerà perchè sarà impegnato nell'avventura più bella della sua vita, quella di diventare papà e di stare vicino alla sua dolce signora.

sabato 28 giugno 2008

Micaela Benzi 1a ad Alessandria


Micaela Benzi, ad Alessandria ha vinto sulla distanza di 5 Km di marcia in 30'00". Micaela era partita per fare un test sui tremila in vista della seconda prova dei campionati di società del prossimo fine settimana, ma una volta in pista ha deciso di proseguire per concludere i 5 Km e vincere la prova.

Spanò è primo, Deligios è terza al suo primo podio in un Meeting internazionale







20° Meeting Arcobaleno, internazionale EAP a Celle Ligure.
Nella prima gara è subito Jacopo Spanò che si impone come miglior atleta dei 6oo metri con l'ottimo tempo di 1'36"48. Nella stessa gara Matteo Restano 12° in 2.00" e Francesco Signorato in 2'08"64 quattordicesimo. Il tempo di Jacopo rappresenta in Italia la terza prestazione in graduatoria. 600 metri anche per Greta Spanò, la sorella cadetta di Jacopo, che normalmente si cimenta nelle gare veloci e nel salto in lungo. Settima al traguardo in 1'56"65. Per i cadetti Corrado Gallo, 600 metri nella settima posizione in 1'39"68. Nel peso cadetti Gabriele Moris è bravo al quarto posto con la misura di m.10,57.
Nella gara internazionale assoluta Fabiana Deligios, per niente intimorita dai risultati delle grandi, mette tutta la grinta come di consuetudine e riesce a salire sul terzo gradino del primo podio internazionale della sua brevissima carriera. I 100 metri ad ostacoli per Fabiana sono la gara preferita e li terminerà con il suo secondo miglior tempo di sempre, 14"61 dietro solo all'inglese Werret e alla francese Lejeune. Marco Brunori, calcia davanti al primo ostacolo e lo atterra e per sette ostacoli ripeterà l'errore, il risultato finale sarà di 17"30, lontano dalle sue possibilità al 12° posto. Chiara Del Nero affronta i 400 con molta tensione, sentiva la responsabilità di ripetere il record personale ottenuto pochi giorni addietro. Si indurisce e ottiene un 58"58, comunque buono , ma al di sotto del recente 57"45.

Le nostre staffette d'oro


Cip-Lino-Gaby-Paola-Marisa F-Marisa B-Roberto-Umberto

Le master più belle

GianCarlo Medesani genio e sregolatezza




GianCarlo gareggia solo per me, è di Gorizia, molto intelligente e tecnicamente preparato, eravamo nello stesso periodo a Formia e ho avuto modo di apprezzarlo. Racconta delle cose che sembra impossibile siano vere, in realtà racconta delle pure verità. Per venire a Bressanone è partito da casa alle 4 della mattina, non ha neanche pranzato e è ripartito. Vorrei che si occupasse un pò di più di se stesso, è un generoso col prossimo ma ingeneroso con la sua persona. Gli vogliamo molto bene. Medesani ha vinto la medaglia d'argento nel peso con 11,39. Grazie!

Angelo Mazza, un mito



Angelo Mazza, calabrese al peperoncino, è il nostro mito. Ha tenuto banco per ore in albergo facendoci disfare dal ridere, ha una capacità di raccontare, cogliendo di qualunque cosa il lato più comico che difficilmente si può trovare. Questa volta quelli che ne hanno fatte le spese sono stati i suoi compagni di camera. Ha corso i 5.000 in 17'36"85 e si è classificato 11°. Stiamo organizzando una cena per averlo ancora con noi, non vediamo l'ora!
Nella fotografia:
Angelo, un fiore tra i fiori...

Antonino Lo Nano amico vero

Antonino Lo Nano da bravo siciliano è un amico con la A maiuscola, chiedetene notizia a Tortorici con lui nella fotografia, ve lo confermerà.
Bella la sua gara di disco con il 5° posto e la misura di 32,55. Sesto nel giavellotto con 36,06 e 10° nel lungo con 5,11. I tendini si sono fatti sentire, ma neanche il dolore è riuscito a fermarlo, è andato fino in fondo.

venerdì 27 giugno 2008

Michelangelo Bellantoni 1 argento




Michelangelo Bellantoni, oltre al record valdostano nel peso ha il record valdostano del nome più lungo. Ha fatto due bellissime gare a Brixen, anche se 42,50 nel disco non sono bastati per la medaglia e gli hanno dato il 4° posto. Con 13,45 nel peso è invece arrivato un bellissimo secondo posto con l'argento. Anche lui come la moglie Mimma non è precisamente di Nus è del nord della Calabria ed abita in Piemonte. Sarà che ha gareggiato in precedenza per la bassa valle, che si è creato una verginità come valdostano ed è stato inserito dalla stampa locale tra quelli di nobili origini da considerare. Suo figlio Luigi ha fatto delle fotografie bellissime la visione delle quali ci ha fatto passare momenti davvero esilaranti.

Patrick Ottoz argento nei 110hs




Patrick si sobbarca delle faticacce incredibili pur di non mancare ai campionati di società, siano assoluti o master non importa, ai campionati italiani individuali, purtroppo rigorosamente senza allenamento, ma posso stare tranquilla che il massimo lo darà sempre. Parte da Rieti, come in questa occasione facendo turni di notte, ma alla fine arriva e ci regala pure una bella medaglia d'argento con 16"16 sui 110hs.

Roberto Ziliani oro nella staffetta



Roberto Ziliani ci ha seguiti durante una finale italiana di campionato di società e ci ha scelti, ha chiesto di essere adottato, è un parmigiano verace e si fa accompagnare sempre da forme di parmigiano reggiano da perdere la testa. Pare sia un ottimo alimento per le diete e per gli atleti, sarà per quello che siamo diventati così forti?
Ha corso i 100 e i 200 in 29"54.
Nella staffetta 4x100 ha contribuito alla conquista dell'oro.

Paola Congiu oro nella staffetta




Paola Congiu, la bella, ha guadagnato l'oro nella staffetta correndo molto bene e l'ottavo posto nei m 100. Nella foto con la maglia di campione italiano veterani. C'è da dire su di lei, che le sue radici sono sarde e la vivacità e l'espressività dei suoi occhi ne sono il segno.
La sua simpatia e il suo buon umore sono contagiosi, la squadra senza di lei sarebbe inimmaginabile.

Gaby Herren 1 oro e 1 bronzo




Gaby, la ragazza di Friburgo, ha catturato un bel bronzo nei 1500 metri e per concludere anche l'oro nella staffetta 4x100. Il suo obiettivo era quello di trovare un super speck e un super strudel da portare al marito e ce l'ha fatta. Dopo aver intervistato commercianti di vario genere è andata a colpo sicuro a prendere il meglio. Questo è amore!

"Paolino" Morandi 1 oro e 1 bronzo




Paolo Morandi ci ha incontrato per la prima volta alle indoor di Genova, poi alle finali nazionali di Salerno. L'inverno successivo mi è arrivata una email dove chiedeva di accettare nella società un rudere con elencate tutte le "magagne" possibili, immaginabili. E' stato molto divertente, contattato mi diceva che la nostra squadra gli piaceva, perchè era evidente che ci divertivamo e avevamo lo spirito giusto. Paolo lavora soprattutto in Francia per cui cerca di far combinare appuntamenti di lavoro con le gare anche ad Aosta e ormai fa parte del gruppo. E' il più informato di tutti sui regolamenti e non manchiamo di intempellarlo quando abbiamo dei dubbi.
A Bressanone si è vinto una bella medaglia d'oro nel disco con 33,82 e il nuovo record valdostano. Nel peso una medaglia di bronzo con la bella misura di 9,80.

Salvatore De Boni 1 oro, 1 argento e 1 bronzo



Salvatore De Boni è una persona molto modesta, quando ci sono le gare mi chiede se può essere utile perchè gli altri sono più bravi, mentre anche lui è tra i più bravi e i risultati dei Campionati di Bressanone sono lì a dimostrarlo. Oro nel martello con 20,41, argento nel martellone con maniglia con 7,65 e bronzo nel disco con 15,93. Salvatore è sempre sui campi di gara, vuoi in veste di giudice, vuoi in veste di atleta, non gliene scappa uno.
Queste misure rappresentano anche tre nuovi record valdostani, anche se la stampa no li considera...

Armando Sardi 2 fantastici oro


Armando Sardi è un grande, non avevamo bisogno di conferme, ma è sempre meglio di quanto ci si possa immaginare. E' arrivato a Brixen con la splendida moglie che ha catturato l'attenzione e l'interesse del nostro amico Ottavio, fortunatamente né Rosita, né Armando sono gelosi...
Armando ha corso impeccabilmente i 100 e i 200 staccando di molto i suoi più diretti avversari. 13"82 nei 100 e 28"41 nei 200. Nuovi record valdostani Anche Armando ha voluto vestire la nostra maglia unicamente per il piacere di ricordare papà. Dopo le gare ha messo una mano sul petto lasciando vedere la scritta Sandro Calvesi e mi ha detto che lo faceva per lui, che correva per ricordarlo, queste sono cose che mi ripagano di tutto, vedere che dentro questo grande uomo c'è una tenerezza infinita e un'umanità non proprio così scontate, mi fa stare veramente bene. Grazie Armando, da noi sei considerato "straniero" perchè non residente in Valle e non scrivono neanche il tuo nome e i tuoi risultati, ma i tuoi compagni master sono orgogliosi di te e sono felici di vederti con la loro canotta.

Alessandro Cipriani 2 oro e 1 bronzo







Alessandro Cipriani, per gli amici Ciprignac oppure Alecip o ancora Ciptomtom, è andato molto vicino al record Italiano che già gli appartiene nei 400hs. Medaglia d'oro in 1'01"99. Super anche nei 200 col 4° posto in 25"78. Alessandro non ha mancato di dar grande lustro alla società sui 400 piani, vincendo una bella medaglia di bronzo in 57"59. Per non farsi mancare niente oro nella staffetta 4x100.

giovedì 26 giugno 2008

Marisa Belletti 2 Oro e 1 Argento




Brava Marisa, anche questa volta ti sei fatta notare. Marisa non si tira mai indietro, le si può chiedere il salto triplo, lei ci prova, sempre.
Ha vinto il salto in lungo e la staffetta 4x100 e ha portato a casa l'argento nel salto in alto.
Nel salto in alto va in confusione perchè quando entra in gara vede quelle che saltano con lo stile Fosbury e non si tiene, comincia allora col "ventrale" poi passa al "Fosbury", poi torna al ventrale e, alla fine si arena su misure che vale abbondantemente.
Per la società Marisa è una bella garanzia!

Per Umberto Benevenia 2 oro,1 argento, 1 bronzo




Umberto Benevenia, splendido signore di razza dalmata, cresciuto a Zara e trasferito a Brescia dove ha incontrato papà e mamma e ha cominciato a fare l'atletica.
Dopo molti anni di inattività, ha deciso di ricominciare nella società che porta il nome di Sandro Calvesi, per il resto del mondo è fatto naturale, ad Aosta no.
Anche suo figlio Gabriele quest'anno ha iniziato con l'atletica e ha scelto l'Atletica Sandro Calvesi, avrei dovuto rifiutare il tesseramento secondo gli indigeni, ma al cuore non si comanda e mi ha fatto un piacere enorme che la scelta ricadesse sulla società che porta un nome non di uno sponsor, ma di una persona che ha solo dato al mondo dell'atletica e che vorrei fosse ricordata per sempre.
Grazie Umberto!
Oro nel disco con m.36,56 e nuovo record valdostano
Argento nel giavellotto m.34,19
Bronzo nel peso con 10,72
Oro nella 4x100

martedì 24 giugno 2008

Gabre Gabric miglior prestazione Italiana





Mamma è davvero un fenomeno, col peso da tre kg ha lanciato a 4.64, miglior prestazione italiana.
Il fatto strano è che uomini e donne lancino lo stesso peso, praticamente un uomo di 80 anni lancia lo stesso peso di una donna di 90 e un uomo di 60 lancia lo stesso disco di una donna di 90.
Ogni tanto compaiono un disco da 0,750 e un peso da 2 kg, che spariscono come arrivano, esistono ma non si utilizzano.
E' una domanda che mi faccio io, a Gabre non importa proprio.
Mamma ha avuto un daffare più per i conteggi della sua squadra veterani che per le sue gare, era preoccupata che qualcosa le sfuggisse e alla fine anche se sul podio c'eravamo sempre i veterani di casa ci hanno battuti.
C'è da dire che sono stati inseriti risultati di veterani non proprio veterani, per esempio veniva fatto un forfait nella staffetta, tesseri tre e la quarta è gratis...
Non importa mamma è stata contenta e se ne è tornata a casa con una super coppa del secondo posto.
Gabre ha vinto anche il giavellotto e il disco.
Peccato che tutto sia stato guastato da una brutta caduta. Non è stata l'unica, alla farmacia erano in coda, l'ingresso in palestra al quale si arrivava da un sole accecante, era possibile da un gradino insospettabile, era riconoscibile solo quando il danno era fatto. Tanto ghiaccio e preoccupazione per tutti noi, minimizza sempre i suoi guai ed è per questo che ci si preoccupa...
E' stata premiata per la carriera con cappellino e una cesoia, ho il dubbio che sapessero che va a fare la raccolta delle mele e che quindi, può esserle utile.
BRAVA MAMMA!