Contatti

ASD Atletica Sandro Calvesi, c/o Campo Tesolin e Palaindoor, Corso Lancieri di Aosta 41/A, 11100 Aosta (AO), +39-393-926-6592
clicca qui per usare il tuo programma di e-mail per scrivermi su presidente@calvesi.it
oppure
clicca qui per scrivermi una e-mail

venerdì 4 luglio 2008

Sabato e domenica CDS a Torino

Che faticaccia col nuovo regolamento Fidal! Per me sistemare da 24 a 26 punteggi con 14 atleti differenti, di cui 2 allievi, due juniores, due promesse e due assoluti, sia per i maschi che per le femmine, è stata davvero un'impresa. Gli esami di maturità e le vacanze programmate dalle famiglie sicuramente non hanno aiutato.
Domani comunque ci saremo anche noi, in quel di Torino, al Primo Nebiolo.
Certo potevamo essere ancora più competitivi ma, il fatto di esserci è un segno di vitalità della nostra bella squadra.
Completare sia con i maschi che con le femmine significa lavorare duro. Naturalmente ci sarà il solito giornalista (Di parte? Ma cosa dico! Pare che lavori per la società che improvvisamente considera, vinciamo noi e intervista loro, normalmente si intervistano tutte due le società e sicuramente quella che vince. Strano, vero?) che per non dare soddisfazione ai miei bravi atleti e alla società e naturalmente anche a me scriverà, se scriverà, che noi prendiamo gli atleti da fuori, eppure in campo viene e vede quanto si lavora e in quanti siamo e l'immagine che cerca di fare uscire e di una società con una filosofia diversa, che raccatta senza fare attività in valle. Cattivo e ridicolo. E' vero su circa 40 ce ne sono 2, forse tre "stranieri" di cui Luca Ferrario, con regolare casa in valle, dove passa i fine settimana e tutta l'estate, che potrebbe anche trasferirsi e diventare residente avendo tutte le carte in regola!
Peccato che non essendo campionati individuali, ma di società, quel giornalista non potrà toglierci le medaglie vinte MERITATAMENTE come ha già fatto.
Ma questa è un'altra storia...
Dicevo del regolamento che bisogna leggere e rileggere perchè non troppo chiaro e si rischia di sbagliare. Ha pagato per questo la squadra delle Fiamme Azzurre che per un errore di interpretazione è stata esclusa dalle finali.
Bene, oggi gli ultimi ritocchi dovuti a una febbre, a una contrattura e domani si parte.
La squadra è squadra e la grinta non manca.
TUTTI PER UNO-UNO PER TUTTI!

Nessun commento :