Contatti

clicca qui per scrivermi una e-mail

clicca qui per tesserarti presso di noi
ASD Atletica Sandro Calvesi
c/o Campo Tesolin e Palaindoor
Corso Lancieri di Aosta 41/A
11100 Aosta
+39-393-926-6592
e-mail presidente@calvesi.it

martedì 2 dicembre 2014

Successo del Convegno "I Figli degli Altri"


Laurent, Vittori, Locatelli, io, Cip, Patrick e alle sue spalle Bonomi con gli allievi Calvesi e Antonino



Sono molto soddisfatta di com'è andato il nostro Convegno. Il risultato, visti i personaggi in campo, sulla carta era dato per scontato, ma fino alla chiusura la certezza non esiste... Tantissimi i partecipanti che solo la grande sala del Coni che ci ha ospitati aveva la possibilità di contenere. Belle presenze anche tra gli uditori, tecnici, genitori, atleti non solo dell'atletica, molti dei quali provenienti da altre regioni. Mi ha fatto un piacere immenso la presenza di ben16 tecnici Calvesi che hanno dato prova, ancora una volta, di essere motivati, con tanta voglia di crescere, e questo sono sicura farà molto piacere anche ai nostri atleti e ai loro genitori.
Eddy, Patrick, Laurent, Bisazza, Christiane, Veronica, Maria, Antonino, Flavio, Sandra, Brunori, Lyana, Toni. Arianna, Francesco, Elisabetta e Martina che stanno finendo il corso istruttori, ma che a turno affiancano già i tecnici degli esordienti. Giovanna, il nostro indispensabile supporto dei Supereroi.
Eddy ha sostituito il maestro di sport Nicola Candeloro nel ruolo di Chairman e dopo i saluti del Presidente regionale del Coni Piero Marchiando, ha preso la parola l'incontenibile Professor Carlo Vittori che fatica a limitarsi all'argomento preannunciato e trascinato dalla passione tocca punti quali il doping e la dirigenza sportiva.
Professor Carlo Vittori

E' un grande personaggio il "Prof" e a lui è tutto concesso, l'ha dimostrato il fatto che a fine serata abbiamo avuto difficoltà a finire perchè era stato accerchiato dai suoi estimatori che volevano saperne di più.
professor Elio Locatelli

Al Professor Elio Locatelli,  Direttore Tecnico della Preparazione Olimpica del Coni, è toccato il secondo intervento col quale la conversazione è tornata al tema programmato. Puntuale, sintetico e interessante ha saputo coinvolgere il pubblico, impresa non facilissima dopo l'esposizione vulcanica del Prof.

Professor Vincenzo Canali

Un piacevole coffee break e la parola è andata al Professor Vincenzo Canali, ormai di casa alla Calvesi, apprezzatissimo posturologo di caratura mondiale. Non è facile, bisogna essere preparati per capirlo, sono necessarie nozioni di biomeccanica ed è indispensabile conoscere la terminologia, ma entrare nel suo mondo significa dar la possibilità agli atleti di prevenire gli infortuni attraverso la riprogrammazione posturale con la certezza di migliorarne i risultati.
La prima giornata, sabato 29, termina con la presa visione delle macchine ideate da Vincenzo Canali, che permettono di fare la forza senza l'utilizzo di sovraccarichi, scusate se è poco...
Domenica 30, arriva anche il nostro amico di sempre che per me è come un fratello più grande, Franco Sar, allenato e portato al sesto posto alle olimpiadi di Roma nel Decathlon da mio papà. Uomo saggio, grande dirigente e grande atleta che, come Eddy, allenandosi a Brescia ha pure sposato una bresciana, la bella e dolce Irma.
La sala del Coni

Il Professor Roberto Bonomi, che per tantissimi anni  ha collaborato con Carlo Vittori, scambiando idee, informazioni, come compito da trattare ha "L'avviamento dei giovani all'allenamento della forza", un argomento di estremo interesse e molto delicato. Purtroppo un utilizzo scorretto può creare danni irreversibili e decretare non solo la fine di un atleta, ma anche seri problemi nella vita di tutti i giorni.
Professor Roberto Bonomi

Una relazione impeccabile che ha visto l'attenzione generale della platea.
Nella tavola rotonda è stata coinvolta anche il mio tecnico, grande atleta e grande amica Sandra Dini, che ha riscosso più volte gli applausi sentitissimi di tutti per la sincerità, la semplicità e l'ironia con le quali ha saputo raccontare e raccontarsi. Domande interessanti sono arrivate dall'attento e competente pubblico alle quali i relatori hanno puntualmente e soddisfacentemente risposto.
La seconda giornata è terminata con la consegna dei diplomi di partecipazione al convegno e un arrivederci al prossimo, anche se riunire nuovamente illustri personaggi del mondo dello sport così importanti in una sola volta non sarà facile impresa.
Grandissimi professori che hanno portato a livello mondiale i loro atleti, ma che hanno sempre seguito con grande competenza anche i giovani, i miei figli compresi. Devo ammettere di avere la grandissima fortuna di poter contare sull'amicizia di questi fantastici attori dello sport che hanno accettato di partecipare al nostro Convegno affrontando anche un lungo viaggio.
Grazie Amici relatori e grazie a tutti i partecipanti che hanno manifestato l'apprezzamento con una mail o con una telefonata. Grazie a Martina, Eleonora e Arianna addette agli accrediti e ai diplomi, a Tiziana e Maria, a Ciccio e Antonino che hanno dato la loro totale disponibilità.
Grazie a Laurent che è arrivato da Roma, a Patrick e Eddy e a Piero Marchiando che ci ha ospitati.
Una fatica, ampiamente ripagata, che mi ha permesso di onorare e ricordare ancora una volta il nome di mio papà.




Nessun commento :