Contatti

clicca qui per scrivermi una e-mail

clicca qui per tesserarti presso di noi
ASD Atletica Sandro Calvesi
c/o Campo Tesolin e Palaindoor
Corso Lancieri di Aosta 41/A
11100 Aosta
+39-393-926-6592
e-mail presidente@calvesi.it

domenica 14 giugno 2015

Eleonora Marchiando, magnifico argento e entra nella Top Ten italiana di sempre col nuovo record valdostano, Jacopo Spanò 5° posto, Arianna Imperial migliora ancora!

Eleonora Marchiando, Mattia Rodà Savoini, Arianna Imperial, Riccardo Bagaini, Federico Deligios, Flavio Ranghino

Jacopo Spanò

Mattia, Arianna, Eleonora

10° ostacolo per Eleonora

Fabrizio Mori premia il podio dei 400hs juniores, Eleonora Marchiando, Ayomide Folorunso, Caren Agreiter
Venerdì 12 giugno, prima giornata dei campionati italiani junior-promesse a Rieti. Arianna Imperial è stata la prima splendida nostra atleta junior a entrare in gara. I 400m la aspettano e grazie a streaming messo in funzione dalla Fidal, ho la possibilità di seguire tutte le gare e di "soffrire" anche da casa. Parte bene Arianna e distribuisce al meglio concludendo con il suo record personale in 58"45, migliorando il tempo ottenuto solo la settimana scorsa al meeting internazionale EAP di Ginevra di 58"55! Bravissima e decisa ha dato l'anima e per lei un bel 14° posto.
E' la volta di Mattia Rodà Savoini negli 800m, sta bene, ma si lascia trasportare da un ritmo per lui troppo alto al primo giro, e alla fine gli costa caro e nella parte finale cede, per lui 18° posto in 1'56"97.
Sabato è il turno di Jacopo Spanò nei 200m promesse, in realtà era iscritto anche nei 100m, ma era tornato solo il giorno prima dagli Stati Uniti, dopo aver dato gli esami all'università ed era devastato. Fino all'ultimo in dubbio se partire o meno per Rieti, per decidere poi di fare almeno i 200m. In batteria parte come un fulmine, tiene bene la curva, ma nel rettilineo non riesce a correre agile e chiude comunque con un buon 21"35. Finale assicurata. Domenica in finale si invertono le parti, non parte benissimo e non arriva in curva tra i primi, e chiude invece molto meglio col 5° posto in 21"33. Ritrovare Flavio Ranghino, il suo allenatore, riposare un pò, smaltire il fetido jet-lag, a breve sarà utile per far girare le gambe come solo lui sa fare, tanto da farci girare la testa. Bravo Jacopo, ben tornato.
Federico Deligios nella gara dell'alto promesse entra in gara alle 17.00 di sabato a m1.85 che supera alla prima prova, supera  anche m1.90 alla prima, ma appoggia male il piede e una bella distorsione lo costringe ad abbandonare i sogni di gloria...Per lui un 11° posto e la rabbia per non aver potuto esprimere tutto il suo potenziale...
Eleonora Marchiando, splendida agonista anche in questa occasione. E' molto bella già al sabato in batteria, dove vince alla grande i 400hs in 1'0"27 e si assicura una delle due corsie centrali per la finale. Oggi, domenica 14, Eleonora corre da manuale, tecnicamente magnifica, persino il sito della fidal parla di lei "cresciuta ad Aosta dalla famiglia Ottoz, l'importanza della scuola tecnica è evidente", davanti a lei solo Ayomide Folorunso, una delle migliori al mondo, per lei nuovo record personale e valdostano in 59"12 e con questo tempo entra nella top ten delle migliori juniores di sempre al 10° posto! Cosa dire di più se non che è una studentessa con i fiocchi, che suona il violino,  che è un'atleta che tutti gli allenatori sognano di avere, che sa essere una splendida compagna di allenamento amata da tutti ed è pure brava a cucinare...
Una ragazza super organizzata, che ha capito l'importanza di non perdere tempo, perchè è prezioso e riesce a fare il tutto sempre con piacere e con il sorriso sulle labbra.
Una trasferta ancora una volta di grandi soddisfazioni e grandi emozioni, una grande medaglia d'argento per Eleonora Marchiando, un bellissimo 5° posto per Jacopo Spanò e un magnifico record personale per Arianna Imperial. Peccato per la distorsione di Deligios e per l'errore di distribuzione della gara di Rodà Savoini, ma è tutta buona esperienza per i prossimi impegni. Ai Campionati Italiani, il livello di tensione, il fatto di incontrare i più forti d'Italia, le emozioni, sono fattori che non si incontrano nelle altre manifestazioni, riuscire quindi a esserci e a poter far parte del ristretto gruppo dei "migliori" è già una cosa straordinaria e arricchente.

Nessun commento :