Contatti

clicca qui per scrivermi una e-mail

clicca qui per tesserarti presso di noi
ASD Atletica Sandro Calvesi
c/o Campo Tesolin e Palaindoor
Corso Lancieri di Aosta 41/A
11100 Aosta
+39-393-926-6592
e-mail presidente@calvesi.it

domenica 14 febbraio 2016

Martina Mladenic medaglia di bronzo agli italiani con record valdostano!


Martina Mladenic felice con la medaglia al collo
in viaggio verso ancona

la colazione di martina e Charlotte e del loro coach Patrick

charlotte a Loreto

premiazione con Gabriella Dorio

la felicità dopo la gara


la pappa!!!

Un altro splendido podio ai campionati italiani, questa volta nella categoria allievi nei 400m ad opera di Martina Mladenic, bella atleta dalle origini croate da parte di padre. Ieri in batteria aveva stupito con una super gara che le aveva garantito l'accesso alle finali con il miglior tempo di 57"80 che rappresentava anche il primato personale e il nuovo record valdostano (il precedente apparteneva dal 1993 con 58"16 a Roberta Quaglia del PontDonnas). Martina oggi si è ancora migliorata portando il personale e il record valdostano a 57"43 conquistando la medaglia di bronzo.
 Dal sito della Fidal nazionale:
400m (batterie): La capolista stagionale Elisabetta Vandi ha optato per i 200 metri e questa scelta della primatista dei 300m cadette apre prospettive a molte concorrenti: le protagoniste delle batterie – sei in programma per decidere sei finaliste, con i migliori tempi del turno – sono portate a forzare i ritmi per guadagnarsi una corsia. Così in diverse si migliorano: la più veloce, 57.80, è Martina Mladenic, un’aostana di Sarre con papà croato, portata in pista dalla famiglia Ottoz. Poi Eloisa Coiro (58.02), romana dei Parioli seguita da Emilio De Bonis: e anche per lei, come per Martina, nel prosieguo della carriera potrebbero esserci gli ostacoli.
400m (finale): Il killer-event preso nel significato più puro, gran gara! Accende le polveri Letizia Tiso, l’argento dei 300m cadette a Sulmona incarna una specie di vice-Vandi: per 4/5 della distanza è così, poi sull’ultimo rettilineo succede di tutto. Soprattutto esce la figura di Francesca Aquilino, l’ex “running back” del football americano bergamasco, trascinata in pista da Paolo Brambilla: 57.20 e si trascina dietro due ragazze che puntano agli ostacoli intermedi e qui fanno il PB sul piano, 57.39 per la “pariolina” Elisa Coiro e 57.43 per Martina Mladenic, la ragazza di Sarre di padre croato scoperta dai fratelli Ottoz. Il coraggio di Letizia Tiso viene ugualmente premiato dal personale (57.74). Brave, tutte.
Hélène Bringhen in gara nei 60m piani ha fatto una buona gara pur non passando il turno, considerando i mesi di stop per un infortunio muscolare e la mancanza di gare nelle gambe. Una sola gara ad aosta con il tempo di 8"32. Ai campionati italiani ha migliorato lo stagionale chiudendo in 8"26. Sicuramente Hélène potrà ripartire con serietà e con più sicurezza puntando alla stagione outdoor.
Purtroppo trasferta negativa per Charlotte Siani che nella fase di riscaldamente si è fatta una distorsione che le ha impedito addirittura di scendere in pista. Forza Charlotte sono inconvenienti che non dovrebbero succedere soprattutto ai campionati italiani, ma succede. Tranquilla le tue qualità, la costanza negli allenamenti e la forza di volontà possono portarti lontano, i numeri li hai...
Questo è il blog dell'Atletica Calvesi, di solito lo utilizzo unicamente per dare le notizie della nostra società, ma questa volta non posso fare a meno di dichiararmi felice anche per i risultati nel complesso dei valdostani. Grande Corinne Challancin (chiamata per tutta la gara, premiazione compresa ciallancin) che porta il suo record nel triplo a 12,10 vincendo il titolo italiano dopo aver realizzato la settima misura nel salto in lungo. Giulia Zambotto quinta misura nel peso. Nicolò Fasulo 5° nei 60m. Luca Merli 7° nei 60hs. Brava Valle d'Aosta!

Nessun commento :