Contatti

clicca qui per scrivermi una e-mail

clicca qui per tesserarti presso di noi
ASD Atletica Sandro Calvesi
c/o Campo Tesolin e Palaindoor
Corso Lancieri di Aosta 41/A
11100 Aosta
+39-393-926-6592
e-mail presidente@calvesi.it

mercoledì 15 dicembre 2010

Ultimo saluto a Silvano Simeon

Domani alle 13.30, nella Chiesa di Torino di Gesù Nazareno, in via Pietro Palmieri, angolo via Duchessa Jolanda (zona piazza Benefica) si svolgeranno i funerali del grande discobolo degli anni '60 e '70, Silvano Simeon.

3 commenti :

Flavio Asta ha detto...

Voglio ricordare Silvano Simeon, recentemente scomparso, in quel 16 aprile 1967 all'Arena di Milano dove da me o da lui ci si aspettava il crollo del mitico primato di Adolfo Consolini. Ci riuscì, e alla grande, Simeon. Per me fu duro accettare di non averlo preceduto. Andammo quella sera alla domenica sportiva condotta da Enzo Tortora e fummo presentati come i due rivali-amici, infatti fu messo in risalto il fatto che Silvano stabilì il record lanciando con il mio attrezzo (un disco "Obol" di fabbricazione francese) che io gli avevo… amichevolmente prestato, naturalmente tutti gli intenditori di atletica sanno che qualsiasi attrezzo personale ammesso in gara è, per regolamento, obbligatoriamente a disposizione di tutti. Due anni dopo, quando ero anch'io diventato primatista italiano, ma nel peso, ci incontrammo a Torino nell'unica e ultima gara di lancio del disco che disputammo insieme, vinsi io, ma Silvano era appena tornato dall'America dove era stato operato per una stenosi aortica, per cui non mi ero certo più di tanto rallegrato dell'avvenimento. Poi ebbi anch'io dei problemi fisici che mi portarono alla chiusura anticipata della mia carriera. Seguii la sua carriera ancora per qualche anno poi mi interessai sempre meno di atletica. Ci rivedemmo, e oggi so che fu per l'ultima volta, sulle tribune dello stadio Euganeo a Padova nel 2007 in occasione dei Campionati Assoluti ai quali ero andato con la famiglia ad assistervi. Quando ci incontrammo, ci abbracciammo senza altre parole, se non dei reciproci sfottò sullo stato dei nostri addominali, vergognosamente debordanti oltre la cinta dei rispettivi pantaloni. La notizia della sua scomparsa mi addolora particolarmente, una parte della mia vita, forse la più bella, scompare con lui. Ciao Silvano!
Flavio Asta

Lyana ha detto...

Un abbraccio a te Flavio,
Lyana

Eremiticamente ha detto...

commossa