Contatti

ASD Atletica Sandro Calvesi, c/o Campo Tesolin e Palaindoor, Corso Lancieri di Aosta 41/A, 11100 Aosta (AO), +39-393-926-6592
clicca qui per usare il tuo programma di e-mail per scrivermi su presidente@calvesi.it
oppure
clicca qui per scrivermi una e-mail

mercoledì 19 dicembre 2007

Le comiche continuano...

Il titolo più evidente della prima pagina del settimanale La Vallée, di sabato 15 dicembre, recita "Bambini al freddo venerdì al Palaindoor", ripreso a pagina 69 con "Quattrocento bambini per GiocAtletica". Passo poi al settimanale "Il Corsivo" dove il titolo, alla pagina 38, dice "Un Palaindoor gelido invaso dal calore di 400 bambini riuniti dallo sport". Prendo la "Gazzetta Matin" Successo della manifestazione di chiusura di Gameland nonostante il guasto all'impianto di riscaldamento. I BAMBINI SCALDANO IL PALAINDOOR".
Ebbene l'impianto di riscaldamento era andato in tilt, ma se ne sono accorti unicamente quelli delle classi arrivate in anticipo rispetto all'orario stabilito. La manifestazione doveva iniziare alle 9 e alle 9 il riscaldamento funzionava regolarmente, le classi arrivate alle 8.30, in effetti, non hanno trovato la temperatura ottimale, ma l'ingresso non era previsto a quell'ora.
Nessun bambino ha tenuto la giacca sotto la maglietta donata dal comitato fidal e dal coni regionale, come dimostrano le fotografie pubblicate. Molti bimbi avevano addosso solo la maglietta di cotone a mezza manica e non avevano freddo anzi, i più erano accaldati. Stà di fatto che i giornali locali non hanno perso l'occasione di cercare di fare apparire come negativo un evento ottimamente riuscito. Forse era meglio evidenziare la gioia offerta ai 400 e più bimbi di una nuova esperienza in uno spettacolare salotto dell'atletica che tutto il mondo sportivo ci invidia. E' sicuramente vero che soddisfa di più una cattiva notizia piuttosto che una buona. A chi interessa commentare con piacere qualcosa di ben riuscito? Praticamente a nessuno. Soddisfa molto di più criticare e cercare di spalmare delle belle badilate di m...a addosso a chi si attiva per dare quello che in qualunque altro posto sarebbe apprezzato. Io c'ero, ho dato una mano per la distribuzione di merendine e succhi di frutta a tutti i bambini, e dove era utile mi sono messa. Per caso un giornalista ha chiesto a un bambino se aveva freddo? Per caso un giornalista ha chiesto a un bambino se si divertiva? Per caso un giornalista ha chiesto un' opinione a una maestra? Forse il giornalista avrebbe dovuto essere presente per poter intervistare... Solo Andrea Chiericato per la Gazzetta Matin si è visto al Palaindoor e detto del guasto all'impianto, ha parlato come di un successo dell'iniziativa. Mi chiedo dove fossero gli altri giornalisti. Una cosa è certa Sara Simeoni, madrina della manifestazione, che è abituata a grandi eventi, era entusiasta di come i bimbi fossero ben preparati e si è complimentata per l'organizzazione e coi tecnici. Forse quelli che vengono da fuori riescono a giudicare positivamente, perchè sono leggermente più obiettivi. Io non scrivo ma per quello che ho visto l'ultimo dei problemi sarebbe stato il riscaldamento, era evidente invece la gioia dei bambini, la bravura dei tecnici, l'ottimo coordinamento tra le scuole effettuato da Fabio Grange, l'entusiasmo con assalto a Sara Simeoni per avere l'autografo sulla maglietta, il tifo che i bambini facevano tutte le volte che partiva una sfida, lo spirito di squadra e la correttezza. Questo era lampante e questi erano i veri obbiettivi che il comitato fidal regionale e il coni si erano proposti che sono stati raggiunti. Una cosa è certa che mi sono divertita talmente tanto che, l'anno prossimo, mi proporrò anch'io tra gli istruttori. Cari giornalisti cercate di apprezzare, quando è il caso, anche quello che di buono succede nella nostra regione e quando date le notizie, firmatele e cercate di raccontare quello che avete visto non quello che avete sognato perchè non c'eravate. GRAZIE.

Nessun commento :